foro maculare - Oculista a Palermo e Catania | Dott. Gregorio Lo Giudice

Vai ai contenuti

Menu principale:

Patologie > Vitreo e retina

Foro maculare

La macula è una piccola area nel centro della retina dove i diottri dell’occhio fanno convergere le immagini: è qui che avviene la visione nobile e distinta.

foro maculare

La visione delle forme, dei colori, la visione dei dettagli è deputata alla macula. Questa visione è necessaria per attività come la lettura e la guida.
Il foro maculare può essere definito come perdita di tessuto retinico in sede maculare a tutto spessore.

Cause del foro maculare

Il foro maculare colpisce le persone di età superiore ai 55 anni e più spesso si verifica nelle donne. La stragrande maggioranza dei casi si sviluppa spontaneamente, senza una causa evidente. Per questo motivo al momento non esiste un modo efficace per prevenirne la formazione e lo sviluppo. Se un foro maculare si sviluppa in un occhio vi è un rischio del 5-15% che si sviluppi anche nell’altro occhio.
Diverse condizioni possono aumentare il rischio di formazione di un foro maculare, tra cui:
  • Trazioni vitreali: il vitreo è il gel che riempie l’interno dell’occhio ed è adeso alla retina. Con il normale invecchiamento, il vitreo può ridursi e allontanarsi dalla retina e a volte può dare inizio a un processo che porta alla formazione del foro maculare
  • Lesioni o traumi
  • Retinopatia diabetica
  • Alto grado di miopia
  • Pucker maculare: la formazione di uno strato di membrane epiretiniche in sede maculare può causare deformazioni e contrazioni maculari che possono portare alla formazione del foro maculare.

Sintomi

Un oculista può determinare il distacco di retina attraverso esami che variano da semplici test sull’acuità visiva a emissione di ultrasuoni sull’occhio.
Per il paziente, la tendina grigia menzionata prima si verifica quando il distacco è già iniziato. Prima che questo avvenga, vi sono dei segnali e sintomi a cui bisogna prestare attenzione:
  • miodesopsie (mosche volanti),
  • improvvisa insorgenza di vista offuscata,
  • ombre o punti ciechi nel campo visivo.

Trattamento

Nei casi in cui il foro maculare è molto piccolo e non ha un grande impatto sulla funzionalità visiva è necessario osservare e monitorare la progressione del foro maculare o la guarigione naturale. È dunque fondamentale eseguire regolari visite oculistiche di follow-up.
La vitrectomia è il trattamento più comune per i fori maculari. In questa operazione del foro maculare, il gel vitreale viene rimosso per eliminare le trazioni sulla retina, viene eseguito un peeling della membrane limitante esterna (Mli) e una bolla di gas è iniettata all’interno dell’occhio al fine di esercitare un effetto tamponante nei confronti dei bordi del foro maculare. Al paziente può essere chiesto di mantenere una posizione a faccia in giù per diversi giorni, e in alcuni casi fino a 2 settimane, a seconda delle caratteristiche del gas iniettato e del foro maculare. La vitrectomia ha un buon tasso di successo, inteso come chiusura anatomica del foro maculare, mentre il recupero visivo è da valutare da caso a caso. Comunque, il foro maculare rimane una patologia invalidante in termini di funzionalità visiva.
 
Complicanze - Potenziali complicanze della vitrectomia includono: formazione della cataratta, distacco di retina, infezioni, glaucoma, emorragia intraoculare e riapertura o persistenza del foro maculare.
PER INFORMAZIONI
Iscriviti alla nostra Newsletter e ricevi gli aggiornamenti:
Copyright 2017 © Dott. Gregorio Lo Giudice by Co-sa.it
Torna ai contenuti | Torna al menu